Il Socrate di provincia

Discorsi sui massimi sistemi al “bar sport” del paesello

In une delle ultime occasioni di socializzazione consentite, prima delle vacanze natalizie che avrebbero decretato la fine di questo cupo e dispettoso 2020, mi sono ritrovato in un contesto familiare a tanti italiani: il rito dell’aperitivo del sabato. Seduti e distanziati secondo le regole in tempo di pandemia, in quel sabato mattina di fine anno un sole tiepido entrava nella veranda del piccolo bar, scaldando un inverno ancora tiepido. In breve, le bevute di avventori habitué avevano riscaldato anche i cuori, oltre che la veranda. I retori presero il sopravvento e l’uditorio si fece partecipe, così che tutti si dedicarono al passatempo preferito di tutti i bar e i locali della nostra immensa provincia italiana: risolvere i problemi del mondo. Continua a leggere “Il Socrate di provincia”